Gli Scrittori del Cantiere

Assenze





Di Gessica ho apprezzato la professionalità, l’obiettività, i consigli e il costante incoraggiamento a portare a termine il mio lavoro malgrado i miei mille impegni lavorativi e familiari.


__________________________..___________________________

Arianna Berna

Prima o poi mi capisco




Dopo quasi dieci mesi, il lavoro non è ancora finito. Siamo arrivate alla rilettura finale, e se mi guardo indietro resto stupefatta di come sia mutato il romanzo. 
Del vecchio progetto sono rimasti i nomi dei protagonisti e poco di più.

Ho messo da parte lo stile di scrittura del romanzo rosa che mi piace leggere, ma che onestamente non è parte di me.


__________________________..___________________________


Davide Arminio

Il Manoscritto del Signor A.



La stesura del Manoscritto ha vissuto fasi diverse. Scritto di getto in una sola giornata, ha poi riposato per un lungo periodo. Dunque sono seguite alcune revisioni, e infine l’incontro con Gessica ha permesso di sciogliere i nodi ancora irrisolti.
Il Manoscritto racconta un mistero ambientato in una Torino apparentemente indolente...

__________________________..___________________________

Claudio Salvi

Non scritto



Con Gessica Franco Carlevero, che è stata sua insegnante di scrittura a Torino nel 2011, collabora alla costruzione del Cantiere di scrittura. 
Presenta dei lavori di scrittura e immagine, ma queste premesse possono essere disattese.

non scritto 1non scritto 2, non scritto 3, non scritto 4, non scritto 5, non scritto 6, non scritto 7, non scritto 8, non scritto 9, non scritto 10
__________________________..___________________________




Overlove
ed. LiberAria



"Gessica sono stata io a contattarla. La conoscevo, nel senso che stimavo il suo lavoro e la sua scrittura. Ma non avevo idea di cosa fosse il percorso di accompagnamento che proponeva. Però mi sono fidata".



La Vita Inedita di Una Scrittrice

Overlove è la mia dichiarazione di onestà

Overlove è stato il bestseller LiberAria nel 2016. "Il romanzo, pubblicato a novembre nella collana Penne, è andato in ristampa a sole due settimane dall’uscita... Credo che la ragione del suo successo si annidi soprattutto nella voce, nitida e originale, della sua autrice". Giorgia Antonelli, editore.


–––––––––––––––––––––––––––..––––––––––––––––––––––––––


Squarci


"Due anni e mezzo di mail senza alcuna scadenza stabilita. Nessuno stress, io lavoro a tempo pieno, e lei anche. Ci siamo prese i nostri tempi. Questo mi ha aiutata tantissimo.
Insomma le pagine piano piano si sono sistemate e i miei pensieri si sono concretizzati.
Non avevo idea di cosa ci fosse dietro alle migliaia di parole che avevo affrontato come lettrice".


Squarci ha ottenuto la menzione al Premio Calvino
"La scrittrice non cerca la facile commozione, anche nei momenti più drammatici. Sceglie frasi brevi, costruite linearmente nel rapporto tra gli elementi del periodo, con un lessico sorvegliato ed asciutto, come uno sguardo esterno che dà conto degli eventi. Scrittura dunque forte, essenziale, quasi come una sceneggiatura".


___________________________..__________________________



Curatore di Mercato delle Pulci, di Velso Mucci, 
Milano, Scalpendi Editore, 2015




Alberto Alberti, disegno di Nicoletta Calvagna



"Ha iniziato il tutto (e vorrebbe continuare, anche in altre cose) “accompagnato” da Gessica."


___________________________..__________________________







Monica Coppola, disegno di Nicoletta Calvagna

"Per arrivare alla stesura finale ho lavorato a lungo, e per la prima volta nella mia vita, tagliando, limando, smontando e ricomponendo infinite volte le varie parti del romanzo ho sentito tutta “la fatica di scrivere”.
Che è una fatica meravigliosa perché, soprattutto quando sei ad un passo dalla fine, senti che la storia ti esplode nella mente e cresce, cresce…Come un piccolo fiocco di neve che è diventato una valanga creativa, che contamina ogni cosa, e tu non trovi pace fino a quando non hai scritto la parola fine.
Ecco quando questo accade allora un po’ scrittore ti senti davvero…"

Quando ero piccola vendevo le mutande. Sul Diario di Adamo, Vanity Fair 

Nessun commento: