28 febbraio 2017

Il mestiere del titolista

Fotografia di Alessandro Baccara*

Leggendo l'articolo di Giacomo Papi pubblicato il 23 febbraio sul Post, Titoli provvisori di libri famosi, ho ripensato alla questione dei titoli.
In questi giorni Monica Coppola sta cercando quello per il suo nuovo romanzo. Lei per esempio è una mietitrebbia, va avanti a macinare, tira fuori dieci titoli al giorno, fin che non arriva quello buono.
Per me la ricerca del titolo è difficilissima, più difficile che scegliere il gelato, e l'unica cosa che non mi interessa nella scrittura. 
Posso passare cinque giorni a cambiare un punto e virgola, ma il titolo lo scrivo nel momento stesso in cui devo spedire il file, abbastanza a caso. 
Mentre penso ai titoli di Paolo Nori, Daniele Benati, Velibor Colic, Mari Accardi, eccetera, sono bellissimi.
Nel suo bugiardino Mari Accardi aveva detto: Mi diverto un sacco a trovare i titoli, scriverei un libro solo di titoli.
Di fatti certe volte le dico che dovrebbe farlo di mestiere, la titolista.


*Il personaggio nell'immagine sono io. Lido di Venezia 2012

Nessun commento: