7 gennaio 2017

La nostalgia per le parole


Leggendo un articolo ho trovato la parola esaugurazione. Nel contesto si capiva, ma non essendo tanto sicura ho preso il mio telefono, ho detto  - ok google, esaugurazione, definizione - e una voce dal telefono mi ha dato la definizione. 
In quel momento ho pensato al natale 1995, quando il regalo più bello era stato il Devoto Oli. Bellissimo, rosso e grigio, sembrava una bandiera del Palio. 
In quelle vacanze avrei dovuto studiare epica e matematica, invece avevo passato il tempo a leggere il mio Devoto Oli e poi a gennaio non avevo preso la sufficienza, né di epica né di matematica. 
Nel 2012, quando sono venuta a Marsiglia, il vocabolario è rimasto nella casa sul bricco, e adesso prenderei un treno, farei nove ore di viaggio con tre cambi per andare a riprendermelo, sfogliare le pagine, cercare la e, la s, la a e alla fine leggere la definizione di esaugurazione.

Nessun commento: