20 ottobre 2016

Nasce Carie, la rivista letteraria che va alla polpa, e cerca racconti



E' nata una nuova rivista letteraria, si chiama CARIE.
Quando Davide Genta (uno dei fondatori e caro ex allievo di un corso scrittura alla Scuola Holden) me ne ha parlato, mi sono entusiasmata. Forse perché il mio Metà guaro metà grappa stava per intitolarsi Denti Guasti.
Ma soprattutto per la sua genesi.
CARIE nasce in un Centro Dentistico a Vinovo durante una pulizia dei denti. Lì Ilaria e Davide, stufi delle solite riviste in sala d’attesa, hanno deciso di fondarne una. A loro si sono uniti gli altri "cariati”, appassionati di lettura, scrittura e illustrazione e si è formata la redazione.

La rivista vuole offrire da un lato buone letture ben illustrate, dall’altro uno spazio in cui gli autori (scrittori e illustratori) possano “flettere i muscoli” e mettersi in luce. 
Per questo motivo lo spazio è aperto a tutti: autori (scrittori e illustratori) affermati ed esordienti, senza limiti stilistici o di tema.

Il numero zero è uscito il 15 ottobre ma CARIE cerca racconti per i prossimi numeri.

Nonostante il nome, CARIE non vuole testi che abbiano per forza attinenza con il mondo odontoiatrico e non deve essere necessariamente un racconto inedito.

Il numero zero ospita, tra gli altri, racconti di Giulia Muscatelli e Simonetta Spissu, ex allieve di corsi di scrittura, e nei prossimi numeri ci saranno altri amici e scrittori del Cantiere...



Nessun commento: