6 maggio 2016

Sul piacere di scrivere, per Proust


Marcel Proust

Dopo tutto, mi dicevo, forse il piacere provato nello scrivere non è il criterio infallibile del valore di una bella pagina; forse non è che uno stato accessorio che si aggiunge sovente, ma la cui mancanza non può significare il contrario. Forse certi capolavori sono stati scritti sbadigliando.

(Marcel Proust, A l'ombre des jeunes filles en fleurs, Paris, Gallimard, 1988)

Nessun commento: