9 febbraio 2016

Il rumore sottile della prosa

Giorgio Manganelli

La parola usata, nel momento che viene toccata dalle pinze mentali dello scrittore, perde qualunque sangue, non ha più capacità di comunicare alcunché che abbia a che fare col vivere. 

(Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, Milano, Adelphi, 1994)

Nessun commento: