29 settembre 2015

Orhan Pamuk, le pietre di noi scrittori sono le parole

Orhan Pamuk

Scrivere è trasmettere questo sguardo interiore alle parole, ricercare un nuovo mondo nella propria mente con pazienza, ostinazione e gioia. Quando passo giorni, mesi, anni scrivendo lentamente le mie parole su un foglio bianco, seduto al tavolo, sento di costruire un nuovo mondo, una nuova persona dentro di me, proprio come coloro che costruiscono un ponte o una cupola pietra su pietra. Le pietre di noi scrittori sono le parole. 

(Orhan Pamuk, La valigia di mio padre, Torino, Einaudi, 2007)

Nessun commento: