3 agosto 2015

Per capire la personalità degli scrittori, IBS WATSON DEVELOPER CLOUD





Una cosa che mi interessava molto da bambina erano gli oroscopi, i tarocchi, la veggenza in generale. Appena usciti gli 144, i numeri di telefono a pagamento, ricordo di aver passato pomeriggi interi al telefono, fino quando i miei se ne sono resi conto ed è successo un finimondo. 

Poi la passione è finita. 
Ma oggi ho scoperto una nuova possibilità e ci ho perso la mattinata.

L'IBM ha concepito una macchina in grado di analizzare la personalità di un individuo a partire dalla sua scrittura.
Il sistema si chiama Watson ed è in grado di decifrare la personalità di un autore a partire da un testo di almeno 100 parole scritto in inglese o in spagnolo.

Nella difficoltà di scrivere qualcosa in inglese (ho già chiesto al mio amico Rea di tradurre dei miei racconti), ho cominciato con altri scrittori.


Secondo Watson, Lo straniero rivela un Albert Camus sentimentale, ma difficile e relativamente indifferente al successo.
In Madame Bovary Flaubert risulta generoso, espressivo e affidabile. 
Watson dice che Flaubert ha una personalità opposta a Molière del Borghese Gentiluomo, in cui sembra socievole e con una grande stima in se stesso.


A partire dal Candido, Voltaire è calmo e sincero, capace di affrontare gli imprevisti.
Stendhal invece è insensibile e scettico, sicuro di se stesso e un po' edonista.
Ora vado al mare, sta sera ricomincio.
Per chi vuole provare con altri testi o i propri,
questa è la pagina IBS WATSON DEVELOPER CLOUD

Nessun commento: