22 giugno 2015

Scrivere è un tic, Francesco Piccolo


Definizione della parola TIC dal dizionario Treccani.
Tic: nome con cui è comunemente indicata una forma morbosa caratterizzata da tic multipli, violenti, associati a emissione di suoni inarticolati, coprolalia, disturbi del comportamento e alterazioni psichiche varie, fino all’alienazione...
fig. Gesto, atto, locuzione o frase che si ripete quasi inavvertitamente a certi intervalli.

Appunto.

C'è un libro di Francesco Piccolo che si intitola Scrivere è un tic edito da minimum fax.

Francesco Piccolo racconta di aver scritto questo libro in giovinezza, quando scrittore non era ma voleva diventarlo, e allora collezionava riflessioni di scrittori che lo aiutassero a somigliare a loro.
Cosi', se leggevo un'intervista di uno scrittore, o delle pagine autobiografiche, o teoriche, le riscrivevo sui foglietti e accumulavo le prove del mestiere.

Il libro è diviso in capitoli che trattano i metodi, lo scrivere e riscrivere, la disciplina, la ritualità, la solitudine, il dove e il perdere tempo.

Si leggono aneddoti su scrittori diversi. Per esempio Balzac, che quando si apprestava a scrivere un libro, non ammetteva distrazioni, tirava le cortine e non distingueva il giorno dalla notte. Durante il periodo di composizione era casto, non beveva né vino né liquori. Pero' aveva il rito del caffè.
Oppure Hamigway, che quando scriveva, aveva nella tasca destra, come portafortuna, una castagna amara e una zampa di coniglio che da molto tempo aveva perso il pelo e aveva le ossa e i tendini lucidi per l'usura.
Mark Twian per esempio, con precisione ossessiva, teneva il conto delle parole scritte durante la giornata: sui suoi manoscritti si possono vedere tanti numerini a matita ogni tante pagine.

Nella prefazione Francesco Piccolo dice di aver scritto Scrivere è un tic per capire cosa significa scrivere per gli scrittori, per capirlo meglio.
Come dice il sottotitolo, è un libro sui segreti degli scrittori. 
Molto consigliato ai lettori e scrittori del Cantiere di Scrittura.

Francesco Piccolo, Scrivere è un tic, Roma, minimum fax, 2011

Francesco Piccolo

Tra le pubblicazioni di Francesco Piccolo: Scrivere è un tic. I metodi degli scrittori (minimum fax 1994), Storie di primogeniti e figli unici (Feltrinelli 1996), E se c'ero, dormivo (Feltrinelli 1998), Il tempo imperfetto (Feltrinelli 2000), Allegro occidentale (Feltrinelli 2003), L'Italia spensierata (Laterza 2007), La separazione del maschio (Einaudi 2008 e 2010), Momenti di trascurabile felicità (Einaudi 2010), Il desiderio di essere come tutti (Einaudi 2013) vincitore del Premio Strega 2014.
Per il cinema ha lavorato come sceneggiatore per My Name Is Tanino, Paz! (tratto dai fumetti di Andrea Pazienza), Ovunque sei, Il caimano, Nemmeno in un sogno, Caos calmo e Giorni e nuvole.

Nessun commento: