6 aprile 2015

L'uomo di Neanderthal e la suspense

Edward Morgan Forster

Già l'uomo di Neanderthal ascoltava racconti, a giudicare dalla forma del suo cranio. L'uditorio primitivo era un uditorio di teste scarruffate, a bocca spalancata intorno a un falo' da campo, stanche dalla lotta contro i mammuth o i rinoceronti lanosi, e tenute sveglie soltanto dalla suspense. E poi, che sarebbe successo? Il romanziere continuava la sua tiritera, e non appena l'uditorio indovinava cosa sarebbe successo in seguito, si addormentava o lo uccideva.

(Edward Morgan Forster, Aspetti del romanzo, Il Saggiatore, Milano, 1968)

Nessun commento: