16 febbraio 2015

Il sesso delle parole



Sul genere delle parole. 
Che alcune siano femminili in una lingua e maschili in un'altra, quando ci penso mi stupisco. 
Per esempio la domenica; in italiano è la domenica, in francese le dimanche, il domenica, della stessa entità che il lunedi', il martedi' eccetera. 
Il mare, in italiano il mare, in francese la mer, la mare. Cambia tutto.
In un'occasione ho chiesto alla mia amica Ola, di che genere è il mare in ucraino. Ne' uno ne' l'altro, il mare è neutro, si dice море
Là si comincia a capire qualcosa di più.
E poi sta mattina parlo con un mio allievo, facciamo questo discorso sul sesso delle parole. 
E lui mi chiede, sai come si dice vita in ebraico? 
Haim, al plurale maschile, la sua unica forma. I viti.

Nessun commento: