5 aprile 2014

Lasciare perdere


Poi oggi invece di fare delle altre cose che devo fare come per esempio tradurre una cosa, mi sono presa delle ore per leggere il romanzo che ha scritto S. 
Il romanzo parla di Puškin, del suo amico Kakidze e dell'amore. 
E anche se grossomodo sapevo già di cosa parlava, siccome una versione a puntate era uscita su una rivista l'anno scorso, a ogni modo quando ho finito di leggerlo avevo addosso un'allegria che pensavo che ha fatto proprio bene a non fare le commissioni che di solito scarica a me. 
E poi pensavo anche che dovrei farmi un po' più furba, lasciare perdere qualche attività e rimettermi a scrivere.

Nessun commento: