30 marzo 2014

Uno scrittore è riposante


Uno scrittore è curioso. E' una contraddizione, un non sens. Scrivere è anche non parlare. E' tacere. E' urlare senza rumore. E' riposante uno scrittore, spesso, sa ascoltare. Non parla molto perché è impossibile parlare a qualcuno di un libro che si è scritto e soprattutto di un libro che stiamo scrivendo. E' impossibile.

(Marguerite Duras, Ecrire, Paris, Gallimard, 1993)

Nessun commento: