15 marzo 2014

Mescolanze e incanti

Diego De Silva

Il fatto è che io sono un narratore incoerente. Non si può fare affidamento su di me. Mi interessano troppo le chiacchiere incidentali che ti portano da un'altra parte. Quando racconto, sono come uno che cerca una bolletta nel cassetto delle ricevute. Prima tasto un po', tanto per prendere confidenza con il materiale organico, poi pesco a casaccio, sperando di prenderci. Ovviamente non prendo, e comincio a raspare. Mescolo. M'incanto.

Diego De Silva, Non avevo capito niente, Torino, Einaudi, 2007)

Nessun commento: