27 marzo 2014

Bisogna imparare a stare seduti a lungo


Un'altra osservazione pratica: chiunque si trovi nella posizione di iniziare a scrivere su un foglio bianco ha voglia di buttare via tutto e concludere che non ne verrà fuori nulla. Bisogna imparare a restare seduti a lungo. Gogol' diceva che se non viene fuori nulla, è sempre meglio restare alla scrivania e scrivere che non ne viene fuori nulla, che allontanarsene. Gor'kij stava seduto alla sua scrivania ore intere. Racconta che per convincerlo a scrivere il suo primo racconto, Macar Cudra, il suo amico A. M. Kaljuznyz l'aveva dovuto chiudere a chiave.
Il lavoro di uno scrittore, come di un qualsiasi altro operaio, comincia dopo che ha superato la prima stanchezza.
A questa stanchezza fanno seguito l'ardore e la capacità lavorativa vera e propria.

(Viktor B. Šklovskij, Il mestiere dello scrittore e la sua tecnica, Firenze, Liberal Libri, 1999)

Nessun commento: