8 gennaio 2014

Una conoscenza che nella realtà non abbiamo

Amedeo Modigliani

E adesso siamo in grado di suggerire una definizione che spieghi quando'è che un personaggio d'un libro è reale: è reale quando il romanziere sa tutto nei suoi riguardi. Costui può anche preferire di non comunicarci tutto quello che sa: molti fatti, anche di quelli che chiamiamo evidenti, potranno restarci nascosti. Ma ci darà la sensazione che, anche se il personaggio non ci è stato del tutto spiegato, è spiegabile, e che possiamo trovare in lui una realtà d'un genere che nella vita quotidiana non troviamo mai.

(E. Forster, Aspetti del romanzo, Milano, Il Saggiatore, 1963)

Nessun commento: