2 agosto 2013

Il mondo è la cava dove lo scrittore ritaglia i blocchi per il suo edificio


Ma in che modo può lo scrittore dar forma al mondo, in che modo dargli un volto? Impegnandosi risolutamente in qualcosa che non sia una filosofia, d'altronde ormai probabilmente impossibile. Buttando al vento, risolutamente, la "profondità di pensiero", facendo del mondo la sua materia prima. Il mondo è la cava dove lo scrittore ritaglia i blocchi per il suo edificio. Egli non riproduce, ma ricrea il mondo, costruisce mondi proprio che daranno un'immagine del mondo attuale, dal momento che i materiali di costruzione provengono dal presente. 

(Friedrich Dürrenmatt, Lo scrittore nel tempo, Torino, Einaudi, 1982)

Nessun commento: