7 maggio 2013

Intravvedere qualcosa che nessuno si sogna d'indovinare

Andrej Sinjavskij

Sempre sul vedere, mentre aspettavo che la vasca da bagno si riempisse di acqua ho letto questo pezzo.

"L'arte è gelosa. Partendo da certi "dati" che non dicono nulla, essa, con la forza di un'accesa fantasia, traccia un secondo universo dove gli eventi si svolgono nudi, con ritmo accelerato. L'artista deve amare gelosamente la vita, cioè diffidare dalle apparenze del quadro e, scostandosene, intravvedere al di là delle figure e del soggetto, qualcosa che nessuno si sogna d'indovinare".

Siccome mi piaceva, dentro l'acqua sono andata avanti a leggere. Sono arrivata a pagina novantotto.

"Delizia della solitudine, del silenzio, della pace. In queste ore l'anima parla".

Quando sono uscita fuori stavo bene.

(Andrej Sinjavskij, pensieri improvvisi, Milano, Jaca Book, 1967)

Nessun commento: