26 aprile 2013

Umiliare e sminuire


Te l'ho sempre detto, non dedichi abbastanza importanza alle comparse. Un romanzo deve assomigliare a una strada piena di sconosciuti in cui passano due o tre individui, al massimo, che conosciamo a fondo. Pensa a chi, come Proust, ha saputo usare le comparse. Se ne serve per umiliare, sminuire i suoi personaggi principali. Niente di più salutare, in un romanzo che questa lezione di umiltà data agli eroi. 

(Irène Némirovsky, Suite française, Paris, Edition Denoel, 2004)

2 commenti:

Simona ha detto...

Su questo aspetto delle comparse forse dovremmo ragionarci un pò su...

Gessica Franco Carlevero ha detto...

E' che al contrario quelle che sono delle comparse nel tuo romanzo a volte forse dovrebbero essere qualcosa di più...