23 aprile 2013

Buoni a niente



A lezione non funzionava il video proiettore. Sono andata a cercare il tecnico, non c'era. In quel momento è passato il Preside che, gentilissimo, ha detto sarebbe venuto lui. 
Dopo cinque minuti arriva, guarda il video proiettore, c'era il tappo davanti all'obiettivo.
Ho fatto finta di niente. Ho pensato a François Mauriac,

"Al di là del mio mestiere di scrittore sono un buono a niente. In linea di massima si può dire che un buono a niente può sempre diventare uno scrittore".

François Mauriac 

(François Mauriac, tra le altre cose, nel 1952 ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura).

Nessun commento: